Minimali INAIL dall`1.7. 2014. | Confcommercio - Imprese per l'Italia - Palermo
Lunedì 11 Dicembre 2017
AREA LAVORO

Minimali INAIL dall`1.7. 2014.

L'INAIL, a seguito del decreto ministeriale 10.6.2014 che ha rivalutato le prestazioni economiche erogate dall'Istituto ed i massimali ed i minimali di rendita, ha aggiornato i limiti di retribuzione imponibile, utili per il calcolo dei premi dovuti all'Istituto per talune tipologie di lavoratori a decorrere dall'1.7.2014...

16/09/2014

L'INAIL, a seguito del decreto ministeriale 10.6.2014 che ha rivalutato le prestazioni economiche erogate dall'Istituto ed i massimali ed i minimali di rendita, ha aggiornato i limiti di retribuzione imponibile, utili per il calcolo dei premi  dovuti all'Istituto per talune tipologie di lavoratori a decorrere dall'1.7.2014.

 Partecipanti all'impresa familiare

Per i familiari del titolare, vale a dire per il  coniuge, per i parenti entro il terzo grado e per gli affini entro il secondo grado, il reddito imponibile giornaliero, dall'1.7.2014, è pari a € 54,11,mentre quello  mensile a  € 1.352,87

 

Lavoratori di società ex compagnie e gruppi portuali di cui alla legge n. 84/1994

Per i predetti soggetti, è stabilita una retribuzione convenzionale giornaliera da moltiplicare per un periodo di occupazione media mensile, ovvero 12 giorni al mese o 144 all'anno. Pertanto, dall'1.7.2014, la retribuzione convenzionale è pari ad euro 1.205,28 (euro 100,44x12 gg. mensili).

 

Dirigenti

Per tali lavoratori, la base imponibile per il calcolo dei premi assicurativi è costituita dalla retribuzione convenzionale pari al massimale di rendita. L'importo giornaliero viene, quindi, determinato dividendo la retribuzione convenzionale annua per  300 giorni lavorativi.

L'imponibile, dall'1.7.2014, è, pertanto, il seguente:

- retribuzione convenzionale giornaliera : € 100,06;

- retribuzione convenzionale mensile: € 2.501,53.

Per i dirigenti con contratto a tempo parziale la retribuzione convenzionale oraria, dall'1.7.2014, è pari a 12,51 euro.

 

Retribuzione di ragguaglio

Si applica a familiari, soci ed associati che non percepiscono retribuzione fissa o la cui remunerazione non sia riconducibile ad una retribuzione convenzionale. La retribuzione di ragguaglio è pari al minimale di rendita, pertanto, dall'1.7.2014:

- importo giornaliero: €53,88;

- importo mensile: €1.346,98.

 

Lavoratori parasubordinati

Per tali  lavoratori non è prevista  una prestazione a tempo. La base imponibile è, quindi,  costituita dai compensi effettivamente percepiti nel rispetto del minimale e massimale di rendita che  possono essere rapportati soltanto a mesi.

Dall'1.7.2014, ai fini del calcolo dei premi, pertanto, occorre fare riferimento ai seguenti limiti minimo e massimo dell'imponibile mensile:

- minimo:  €  1.346,98;                       

- massimo: € 2.501,53.

 

Prestazioni occasionali

Si tratta delle collaborazioni coordinate e continuative di durata non superiore ai 30 giorni nel corso dell'anno solare e con un compenso non superiore ad € 5.050. Per questi rapporti, i premi devono essere commisurati ai compensi effettivamente  percepiti, nel rispetto, in ogni caso, dei seguenti minimali e massimali fissati dall'1.7.2014 nei seguenti importi:

-giornaliero: € 53,88 - € 100,06

-mensile:  €1.346,98 - € 2.501,53.