ROGO NOTTURNO IN UN NEGOZIO APPENA APERTO | Confcommercio - Imprese per l'Italia - Palermo
Giovedì 23 Novembre 2017
Rassegna Stampa

ROGO NOTTURNO IN UN NEGOZIO APPENA APERTO

I titolari di «Gold Fruit» si erano da poco trasferiti dallo Sperone e stavano ampliando l'attività con una friggitoria. «Non abbiamo mai ricevuto minacce» Rogo notturno in un negozio appena aperto e Un incendio ha danneggiato un esercizio di ortofrutta in via Valderice...

WWW.GIORNALEDISICILIA.IT  Palermo, 26/11/2015

I titolari di «Gold Fruit» si erano da poco trasferiti dallo Sperone e stavano ampliando l'attività con una friggitoria. «Non abbiamo mai ricevuto minacce» Rogo notturno in un negozio appena aperto e Un incendio ha danneggiato un esercizio di ortofrutta in via Valderice. Usciva gas dalle bombole, si batte la pista dolosa Stando ad una prima ricostruzione delle forze dell'ordine, quando sono arrivati I primi soccorsi la manopola delle bombole è stata trovata aperta e Il gas stava uscendo. L'intervento dei pompieri ha evitato guai peggiori o a Si erano da poco trasferiti dallo Sperone alla zona residenziale della città, poi nella notte un incendio stava per distruggere la loro attività. Notte di paura per i titolari di «Gold Fruit», negozio di frutta e verdura di via Valderice, svegliati dall'intervento di vigili del fuoco e poliziotti intorno alle 23.30. L'allarme è scattato quando le fiamme hanno aggredito un locale al primo piano dove in una terrazza erano state sistemate alcune bombole. Stando ad una prima ricostruzione delle forze dell'ordine, quando sono arrivati i primi soccorsi, la manopola delle bombole è stata trovata aperta e il gas stava uscendo. Grazie anche all'intervento tempestivo dei pompieri, i danni sono stati limitati ma le cose potevano anche andare in modo diverso. Questa dinamica, sottolineano gli investigatori, lascia ipotizzare la matrice dolosa dell'incendio, sul quale indagano adesso gli agenti della sezione volanti della polizia. Nel corso dei primi accertamenti, è emerso che l'attività era stata avviata alcuni mesi fa dai titolari che prima gestivano un'altra rivendita allo Sperone. Ora l'attività commerciale stava per essere ampliata con un reparto «friggitoria». E proprio in questa zona è divampato l'incendio. I vigili del fuoco nelle prossime ore consegneranno un primo rapporto agii investigatori e nel frattempo i poliziotti hanno sentito informalmente i proprietari. Sostengono di non avere mai ricevuto minacce o richieste di denaro, ma non è escluso che vengano risentiti con più calma nei prossimi giorni. Se fosse confermata ufficialmente la pista dolosa si aprirebbero due piste investigative: intimidazione del racket o vendetta per questioni «commerciali». L'arrivo di una nuova attività potrebbe avere infastidito qualcuno della zona, preoccupato per un eventuale calo degli affari. Situazioni già conosciute in passato, ma accadute perlopiù in quartieri considerati a rischio e nelle borgate periferiche e non nell'area residenziale. Un'altra possibile pista è quella del racket, il rogo potrebbe essere stato un avvertimento degli emissari del pizzo che in questo periodo girano tra i negozi per incassare la «tangente» di Natale. I soldi raccolti per le feste costituiscono uno degli introiti principali perle cosche, come emerso in tante indagini antimafia. Appena 24 ore prima c'era stata una intimidazione in pieno centro, ai danni della ditta elettromeccanica «Mangano» di via Siracusa. I titolari della attività artigiana di riparazione macchine elettriche e motori martedì mattina hanno trovato i lucchetti delle saracinesche bloccati dalla colla. La vicenda è stata subito segnalata alla polizia e in via Siracusa sono intervenuti le volante. Per entrambe le vicende, l'incendio di via Valderice ed il danneggiamento di via Siracusa, un contributo importante alle indagini potrebbe arrivare da eventuali immagini riprese dalle telecamere. Nelle due zone infatti ci sono diversi sistemi di sicurezza di negozi ed esercizi commerciali che potrebbero avere ripreso il passaggio dei responsabili, anche un piccolo dettaglio potrebbe rivelarsi molto importante perle indagini.